Pizza non lievitata o poco cotta? Errori da evitare

Home / Pizza e cucina / Pizza non lievitata o poco cotta? Errori da evitare

A tutti, almeno una volta nella vita, è capitato di dover preparare la pizza, però non sempre si sono ottenuti i risultati sperati.

Grazie all’esperienza maturata nel corso degli anni, noi di Pinko Pallino abbiamo acquisito la necessaria esperienza e conoscenza per preparare una pizza ottima e soprattutto facilmente digeribile. In questo articolo vogliamo elencare i principali errori da evitare nel preparare una pizza di qualità non indigesta o dura come il marmo.

Gli errori più comuni nel preparare la pizza:

  • troppo lievito nell’impasto della pizza;
  • utilizzo di farine non adatte per la pizza;
  • cattivo uso di ingredienti come pomodoro e mozzarella.

Troppo lievito nell’impasto della pizza

Un errore causato dalla paura di non riuscire a far lievitare abbastanza l’impasto della pizza. Utilizzando troppo lievito, l’impasto lieviterà di sicuro, ma non andrà a beneficio per la vostra pizza.

Cosa potrebbe accadere?

Avrai una lievitazione dell’impasto molto rapida che impedirà la maturazione dello stesso. Assaporando la pizza sentirai un forte odore di lievito che sovrasterà il vero aroma della pizza. Otterrai una pizza spugnosa che tenderà a seccarsi velocemente.

Come risolvere questo errore?

Testa in prima persona la giusta quantità di lievito da incorporare all’impasto oppure segui i nostri consigli!

Utilizzo di farine non adatte per la pizza

Decidere di utilizzare farine non adatte per preparare l’impasto della pizza (magari farine adatte per fare dolci), potrebbe portare ad ottenere uno dei seguenti risultati:

  • una lievitazione troppo rapida dell’impasto;
  • un impasto poco consistente che tende a strapparsi e a bucarsi durante la stesura;
  • una pizza piuttosto friabile dopo la cottura.

Perchè succede tutto questo?

Tutto è dovuto alla scarsa quantità di glutine contenuto nella farina utilizzata. La debolezza dell’impasto lo farà bucare durante la lavorazione e durante la lievitazione, non potendo “contrastare” i gas derivanti dalla stessa, si gonfierà rapidamente.

Con queste caratteristiche si otterrà una pizza poco fragrante e indigesta. E’ molto importante scegliere farine con maggior contenuto di glutine.

Esagerare con pomodoro, mozzarella o condimenti “acquosi”

Il segreto di una cottura perfetta della pizza consiste nel riuscire a far perdere l’acqua agli ingredienti di condimento senza che bagni l’impasto.

Quando non si riesce a cuocere in modo ottimale la pizza:

  • resta gommosa e semicruda nello strato superiore (subito sotto il condimento);
  • l’acqua in eccesso resta sopra la pizza;
  • l’acqua, durante la cottura, fuoriesce dalla pizza sporcando e bruciando il piano di cottura.

Gli ingredienti e le cause che espongono maggiormente la pizza ai problemi qui sopra riportati sono ad esempio:

  • mozzarella e pomodoro molto acquosi (non scolati);
  • troppo pomodoro;
  • troppi funghi;
  • temperatura del forno troppo bassa.

Hai avuto anche tu difficoltà a preparare la pizza? Faccelo sapere nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *